Giuseppe Torselli

G. Torselli - Diario di un grande amore

Giuseppe Torselli

Diario di un grande amore

Ed. MAGEMA, Carcare (SV), giugno 2006

Codice ISBN 978-88-89169-13-1

pagg. 64

€ 5,00 + spese di spedizione

Gradirei ricevere una copia!

Un grazie particolare alla dott.ssa Valeria Giordano che ha reso possibile la pubblicazione di questo diario.

 
"L'autore descrive perfettamente il dolore che un ustionato prova. Sono anch'io un ustionato, per mia fortuna con un'ustione inferiore a quella dell'autore di questo diario. Giuseppe è un socio del GAU (Gruppo Assistenza Ustionati), che dal 1999 ad oggi ha percorso molta strada.

Esiste un'associazione di persone ustionate (non si è mai ex ustionati!) a Cesena, una sede del Gau a Genova e, in un prossimo futuro, grazie anche all'appoggio del nostro amico Giuseppe, a Pisa.

Abbiamo però degli obiettivi a lungo termine molto impegnativi da raggiungere, come sensibilizzare l'opinione pubblica sull'ustione a livello nazionale, ma grazie all'appoggio e alla sensibilità di persone come il nostro autore possiamo essere ottimisti! Grazie Giuseppe."

Dott. Tommaso Acchiardi
Presidente Gau Torino
www.ustionati.it

Guardate una sua intervista rilasciata a POST@ TG5 il 12/11/2006


Ho accettato con piacere di aderire a questa iniziativa, in quanto fermamente convinta che l'informazione e la prevenzione siano elementi fondamentali per ridurre i rischi, compresi quelli da ustione. Mi ha stupito apprendere che l'80% delle ustioni abbiano quale comune denominatore l'utilizzo dell'alcool, prodotto che tutti abbiamo nelle nostre abitazioni.

Colgo l'occasione per un ringraziamento agli operatori sanitari tutti e alle associazioni di volontariato che operano a favore degli ustionati.

Se con questo opuscolo si ottenesse la riduzione di un solo caso di infortunio da ustione, il risultato sarebbe più che positivo.

Valeria Giordano
Consiliere provinciale
Capogruppo Gruppo Misto

Il Gruppo Assistenza Ustionati (G.A.U.) è un'associazione senza fini di lucro (o.n.l.u.s.) nata nel giugno 1999 per iniziativa di un gruppo di persone ustionate, sotto l'egida del Centro Grandi Ustionati di Torino e con il supporto dell'Azienda Ospedaliera C.T.O./C.R.F./ Maria Adelaide di Torino.

Ciò che ha fatto nascere questa associazione di auto-aiuto è stato il bisogno delle persone ustionate di condividere con altri, che avevano subito lo stesso trauma, i problemi burocratici e le traversie che incontravano dopo la dimissione ospedaliera, le esperienze dolorose vissute e le difficoltà legate al difficile percorso di riabilitazione.

Il G.A.U. si propone di:

  • sostenere fin dal momento del ricovero i pazienti e i loro familiari;
  • aiutare i pazienti e i loro familiari a muoversi nel mondo della burocrazia e delle controversie assicurative, legali e infortunistiche;
  • promuovere campagne di sensibilizzazione a favore della donazione degli organi e dei tessuti;
  • attuare campagne di prevenzione e sensibilizzazione, anche nelle scuole, per i rischi dei traumi da ustione;
  • informare sul corretto comportamento da tenere in caso di incidente da ustione;
  • raccogliere fondi per acquistare attrezzature ed accessori da donare al Centro Grandi Ustionati per dotarlo di mezzi utili che facilitino la degenza del paziente ricoverato e il suo recupero di tutto ciò che possa migliorare;
  • coinvolgere tutti i soggetti ustionati che lo desiderano nelle attività organizzative dell'associazione, riunioni, decisioni, feste etc.

 

 

Chi Giuseppe Torselli

E’ nato il 17 Luglio del 1954 ad Ortonovo (SP), ma risiede da 50 anni a Forte dei Marmi (LU), ove vive. Si è diplomato perito elettronico nel 1973.

Nel 1976 inizia a lavorare all’Agip SpA e va in Congo, Nigeria e Libia dove partecipa alla realizzazione e manutenzione di impianti petroliferi destinati alla estrazione.

Nel 1988 è in Libia, sulle piattaforme petrolifere Bouri, con mansione di "Responsabile della manutenzione elettrica" di due piattaforme e di una superpetroliera.

Giuseppe rimane ustionato, in modo grave, durante lavori sulla piattaforma, il 25 Novembre 2000.

Trasportato al CTO di Torino, reparto Grandi Ustionati, è dichiarato più volte in fin di vita. Subisce numerosi interventi di chirurgia plastica e, ancora oggi, è in attesa di ulteriori quattro interventi.

Ha una invalidità lavorativa del 100%.

Attualmente è impegnato nel volontariato sociale e collabora con il Gruppo Assistenza Ustionati di Torino e Genova.